Accordo sullo smart working nel Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Firmato l’accordo definitivo sullo smart working nel Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Avviato, per un periodo di un anno, la sperimentazione per l’introduzione della modalità di lavoro agile o smart working nel Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Per “Lavoro agile” o smart working si intende una modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, finalizzata ad incrementare la produttività e ad agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (flessibilità di tempo e di spazio).
La prestazione potrà essere svolta nelle giornate di smart working dalla propria residenza o altra dimora, comunicate all’amministrazione o da altro luogo che sia specificato nell’accordo individuale.
L’articolazione complessiva dell’accordo permette di affrontare la fase sperimentale con i criteri che prefigurano una sua entrata a regime rispetto all’insieme delle attività individuate come lavorabili a distanza.
L’ampliamento delle attività che possono entrare nel lavoro agile è infatti il primo elemento di valutazione positiva dell’accordo unitamente alla eliminazione di alcune clausole che potevano diventare punitive per i lavoratori che fruiscono delle tutele sociali, impropriamente definite nella prima stesura come flessibilità.
Nelle valutazioni delle adesioni, nel caso invece di domande eccedenti la quota prevista, vengono inseriti criteri di preferenza che tengono conto delle particolari situazioni socio-familiari e di salute dei dipendenti.
Il progetto sperimentale di smart working, il cui monitoraggio si svolgerà con cadenza trimestrale, avrà ad oggetto in linea In merito alle modalità di svolgimento della prestatone lavorativa, il personale selezionato per la sperimentazione può svolgere la prestazione lavorativa al di fuori della sede di lavoro una volta alla settimana per un massimo di 5 giorni al mese.
Infine è del tutto evidente che un ruolo fondamentale, sia nella predisposizione dei progetti legati alle attività individuate che nel monitoraggio e nella valutazione degli stessi, lo avranno i Dirigenti degli Uffici ed è, pertanto fondamentale la massima attenzione nella fase di programmazione e nell’applicazione dell’accordo nei luoghi di lavoro, avendo cura che gli Uffici predispongano i progetti e identifichino in modo corretto la platea dei lavoratori, segnalando tempestivamente ogni comportamento improprio e ed eventuali rinunce a priori rispetto alla sua applicazione.

Agricoltura Operai Verona: Tabelle salariali dall’1/4/2019

Si riportano le tabelle salariali per gli operai agricoli della provincia di Verona in vigore dall’1/4/2019 e diffuse dalle parti territoriali

TABELLE SALARIALI
PER GLI OPERAI AGRICOLI DELLA PROVINCIA DI VERONA
IN VIGORE DALL’1/4/2019

 

Operai a tempo indeterminato: retribuzione oraria

 

Categoria

Lavoro ordinario

Lavoro straordinario

Lavoro festivo

Lavoro notturno e straordinario festivo

Lavoro festivo notturno

livello 1 (nuovo livello) 11,00 13,75 14,85 15,40 16,50
livello 2 (ex spec. super) 10,44 13,05 14,09 14,62 15,66
livello 3 (ex specializzato) 9,83 12,29 13,27 13,76 14,75
livello 4 (ex qualificato super) 9,36 11,70 12,64 13,10 14,04
livello 5 (ex qualificato) 8,82 11,03 11,91 12,35 13,23
livello 6 (ex comune p. 137) 7,77 9,71 10,49 10,88 11,66
livello 7 (ex comune p. 110) 6,25 7,81 8,44 8,75 9,38

Operai a tempo indeterminato: retribuzione mensile

Categoria

Retribuzione

livello 1 (nuovo livello) 1.859,64
livello 2 (ex spec. super) 1.764,02
livello 3 (ex specializzato) 1.660,84
livello 4 (ex qualificato super) 1.581,27
livello 5 (ex qualificato) 1.490,83
livello 6 (ex comune p. 137) 1.313,43
livello 7 (ex comune p. 110) 1.056,42

Operai a tempo determinato: retribuzione oraria

Categoria

Lavoro ordinario

Lavoro straordinario

Lavoro festivo

Lavoro notturno e straordinario festivo

Lavoro festivo notturno

livello 1 (nuovo livello) 14,35 17,10 18,20 18,75 19,85
livello 2 (ex spec. Super) 13,62 16,23 17,27 17,80 18,84
livello 3 (ex specializzato) 12,82 15,28 16,26 16,75 17,74
livello 4 (ex qualificato super) 12,20 14,54 15,48 15,94 16,88
livello 5 (ex qualificato) 11,51 13,72 14,60 15,04 15,92
livello 6 (ex comune p. 137) 10,14 12,08 12,86 13,25 14,03
livello 7 (ex comune p. 110) 8,15 9,71 10,34 10,65 11,28
livello 8 (ex raccolta) 7,38 8,80 9,36 9,64 10,21

 

Trattamento di fine rapporto operai a tempo determinato

Categoria

Importo Giornata

Importo Orario

livello 1 (nuovo livello) 6,17 0,95
livello 2 (ex spec. Super) 5,86 0,90
livello 3 (ex specializzato) 5,51 0,85
livello 4 (ex qualificato super) 5,25 0,81
livello 5 (ex qualificato) 4,95 0,76
livello 6 (ex comune p. 137) 4,36 0,67
livello 7 (ex comune p. 110) 3,51 0,54
livello 8 (ex raccolta) 3,17 0,49

 

CIPL Alberghi e Campeggi Isola D’Elba: firmato accordo di rinnovo

Siglato il 5/3/2019, tra le Associazione Albergatori Isola D’elba, la FAITA Toscana, Associazione Gestori Campeggi Isola d’Elba, l’associazione Del Commercio Turismo e Servizi Dell’isola D’Elba Confcommercio, la Confesercenti Provinciale di Livorno per conto di ASSHOTEL e di ASSOCAMPING e la FILCAMS-CGIL, la UILTUCS UIL, la FISASCAT-CISL, il contratto integrativo per i dipendenti del settore alberghi e campeggi dell’Isola d’Elba.

Il presente accordo integrativo territoriale si applica a tutte le Aziende Alberghiere e Complessi Turistico Ricettivi dell’Aria Aperta, campeggi e villaggi turistici, aderenti alla Associazione Albergatori Isola d’Elba e alla FAITA Isola d’Elba, alla Confcommercio e a Confesercenti.
Il presente Contratto Integrativo decorre dalla data odierna di sottoscrizione ed ha durata triennale.

Premio di Risultato

Il Premio annuo è riconosciuto al raggiungimento dei seguenti risultati:

Tasso di Occupazione delle Camere Hotel

Livello

Euro (Importi Lordi)

Dal 25 al 30% A, B 340,00
Dal 25 al 30% 1, 2, 3 290,00
Dal 25 al 30% 4, 5 260,00
Dal 25 al 30% 6S, 6, 7 220,00

Si prende atto che per l’anno 2017 le presenze ammontano a 1.478.106 mentre i posti letto ammontano a 15.865. Il tasso di occupazione è pari a 25,40%.
Nel caso in cui il tasso di occupazione delle camere dovesse aumentare oltre i livelli di cui in tabella gli importi della tabella di cui sopra saranno così rideterminati:

Tasso di Occupazione delle Camere Hotel

Aumento rispetto ai parametri precedenti

Oltre il 30 fino a 34% + 10%
Oltre il 34 fino a 38% + 15%
Oltre il 38 + 20%

Il Premio sarà corrisposto ai dipendenti in forza nel mese di agosto.
Il Premio compete sia ai lavoratori tempo determinato che indeterminato.
Il premio non sarà corrisposto per le aziende che si trovano in particolari difficoltà economico produttiva. Eventuali situazioni di comprovata difficoltà verranno singolarmente valutate in sede di Commissione Paritetica.

Regolamento della Commissione Paritetica

Viene confermata la quota di servizio per il funzionamento della Commissione Paritetica a favore delle OO.SS. firmatarie del presente accordo nella misura di:
– € 2,50 da trattenersi a tutti i lavoratori dipendenti delle aziende associate salvo il caso in cui il lavoratore dichiari per iscritto di non voler corrispondere tale quota. Copia della dichiarazione dovrà essere inviata alla OO.SS. dal datore di lavoro;
– € 1,50 a carico della parte datoriale.
Tali quote dovranno essere versate dal datore di lavoro, mensilmente, sul conto corrente bancario che sarà indicato dalle OO.SS. firmatarie del presente accordo. La Commissione paritetica per tramite i datori di lavoro, dovrà portare a conoscenza di tutti i dipendenti interessati il contenuto del presente accordo e mettere a disposizione dei lavoratori le tabelle paga alle scadenze previste.
Si concorda nell’esclusione del pagamento delle quote di servizio previste per i dipendenti iscritti alla OO.SS. mentre le quote di servizio da parte dei datori di lavoro saranno comunque dovute. Suddette quote saranno utilizzate per fornire ai lavoratori tutte le indicazioni e l’assistenza relativa ai contratti ed alle leggi che, di volta in volta, si renderanno necessari.